Una mostra che rappresenta la pura Creatività

per modificare lo stesso oggetto, un manichino di partenza, per tutti uguale, da vestire, cambiare, decorare trasfigurare per farne una icona significativa.

Il “Salotto dell’Arte” ha organizzato la mostra “Vestimi!… ” che si è inaugurata venerdì 11 marzo 2016 alle 19,30 nello spazio espositivo di P.zza G. M. Dettori, 3 – p.t. – Cagliari (Marina). La mostra resterà aperta fino a sabato 26 marzo 2016. Dal lunedì al sabato 11,00-13,00/18,30-21,00; lunedì mattina e domenica: Chiuso;

Venerdì 29 gennaio 2016 alle 20,00 al Salotto dell’Arte – Piazza G. M. Dettori,3 P. T. Cagliari, si è inaugurata SEGNO COLORE MOVIMENTO ENERGIA, una mostra per rappresentare quanto può essere realizzato con SEGNI e accenni su un semplice foglio di carta o altro supporto.

Uno o tanti COLORI su tela e che rende splendente l’accostamento tra essi sia per far nascere un’opera figurativa o contrasti e astratti.

MOVIMENTO nel creare l’opera con la gestualità e padronanza del segno.

ENERGIA  espressiva che traspare nelle opere realizzate. Forza, luce, magia, fantasia. Gli artisti si svelano attraverso le loro opere, specchio della loro profondità espressiva, del carattere e della personalità, che si concretizza attraverso tecniche libere e creative.

Si è aperta sabato 16 gennaio 2016 alle 20:00 nello spazio espositivo del “Salotto dell’Arte”, piazza G. M. Dettori, 3, Cagliari (Marina), la mostra.”Proposte per una collezione”.

Magia, Simbolismo, Alchimia, Esoterismo hanno suggestionato artisti di ogni epoca, generando innumerevoli forme d’arte. E’ questo il tema che ispira la mostra “L’incanto dell’arcano svelato” che si inaugura venerdì 27 novembre alla galleria “Il Salotto dell’Arte”, Piazza G. M. Dettori – 3 e resterà aperta fino a sabato 12 dicembre 2015.

E’ nel “Sinuoso Senso” che si consuma l’incontro magnetico fra mistero e bellezza, esso si fa espressione di un concetto plurisfaccettato, esteriorizzato dalle pitture di Andrea Lai, dalla fotografia di Valeria Bulla e dalla scultura di Francesco Obinu.